Analisi Funnel: Cos’è e Come farla con Google Analytics

analisi funnel

La grande fuga – John Sturges

Cos’è il funnel?

il funnel è un concetto di marketing che ci serve per portare gli utenti verso la conversione. questi utenti hanno un loro percorso chiamato customer journey. il funnel quindi è la semplificazione di questo percorso.

funnel-analysis

il funnel di marketing è un sistema che canalizza il Traffico in un processo di acquisto fatto ad imbuto. Si attirano i consumatori, si creano dei lead ed infine si istruiscono i clienti all’acquisto. Il funnel quindi è un modo per accompagnare per mano il consumatore verso la conversione. ne esistono molti tipi ma il più comune è Awareness, Engagement, e Conversion.

A cosa serve?

l’analisi del funnel è una delle analisi principali delle attività di Conversion Rate Optimization ,ha lo scopo di:

  1. comprendere in quale fase del customer journey l’utente si ferma, da fare con le analisi quantiative
  2. comprenderne le ragioni per cui si ferma, da fare con le analisi qualitative
  3. ottimizzare il suo percorso

Come fare una funnel analysis

1.Analizzare il funnel da un punto di vista generico

dentro i più comuni strumenti di web analytics, come gogole analytics, è possibile fare i set up del proprio flusso di conversione. questo vale sia per ecommerce, sia per chi fa lead. ogni business ha i propri obiettivi e ogni business avrà delle fasi per arrivarci.

Su google analytics ad esempio esiste il  modulo enhanced ecommerce che se propriamente settato ci permette di trovare in piattaforma un grafico come questo

analisi funnel

2. Segmentare il funnel per device e canale

è importante comprendere come cambia il comportamento degli utenti. risulta quindi necessario analizzare il funnel segmentando per due diverse dimensioni: il device e il canale di traffico. durante l’analisi è fondamentale guardare se esistono scostamenti o comportamenti diversi rispetto alla media o ai canali organici come la SEO, che è il canale col miglior comportamento in generale perchè gli utenti cercano spontaneamente.

segmentazione funnel

grazie a queste due segmentazioni possiamo scoprire se

  • gli utenti hanno qualche problema a convertire da device
  • qualche canale porta traffico di poca qualità che non converte sul sito.

Nozioni di set up: 

per avere a disposizione questo report su google analyticcs è necessario implementare il codice enhanced ecommerce. nel 2020 questo si esegue usando un CRM che manda dati al datalayer o un IT che lo fa per lui e il tag manager (magari google tag manager) per impostare i tag che vanno a popolare il report. trovate un bell’articolo tecnico qui

e ricorda. prima di fare analisi devi controllare che i tuoi dati sia completi e corretti. se vuoi trovi come fare un audit di Google analytics qui.

3. Confrontare con i dati di Benchmark

per capire se quel numero è giusto o no (es. conversion rate 0,5%) bisognerebbe capire se in quel mercato e in quella industry accade lo stesso e quanto simo più o meno bravi. di ricerche ce ne sono tante. qui trovate un benchmark generico ma dovete cercare di andare sempre nello specifico.

Ecommerce-funnel-conversion-rates

4. analizzare il funnel dal punto di vista UX

solitamente una volta individuato il punto critico del funnel si procede con un analisi dello step incriminato per comprenderne la bontà. l’analisi qualitativa consigliata è l’analisi euristica. Analisi svolta da esperti di User Experience allo scopo di rivelare la fedeltà e l’aderenza del prodotto e dell’interfaccia ai principi di usabilità e di persuasione. qui trovi un articolo che ti spiega come realizzarla.

VEDI ANCHE: STORIA DI UN VISITATORE DI 2 MINUTI, COME SI COMPORTANO GLI UTENTI?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *