La SEO è morta? tutto quello che dovete sapere e che Google non dice

la seo è morta

Da un po’ di tempo leggo sempre più articoli che iniziano con la pietra miliare “ la SEO è morta ”, ovvero l’attività della Search Engine Optimization non funziona più e dopo tutto, in quanto appassionata, mi andava di argomentare un po’.

Vorrei iniziare col descrivere il ruolo fondamentale di Google in questa storia che è stato un po genitore un po’ omicida.

Negli ultimi 20 anni Google ha visto crescere i propri iscritti in modo vertiginoso diventando il primo motore di ricerca al mondo e coprendo il mercato di internet con centinaia di servizi. Si è così vista nascere e potenziare la SEO intesa come l’insieme delle attività che hanno come obbiettivo l’indicizzazione del motore di ricerca e la comparsa ai primi posti. Google da parte sua risponde con grande entusiasmo; al fine di aiutare i SEO a seguire i principi guida che aveva dettato, in base alla costituzione dell’algoritmo di ricerca, creò la  “Guida introduttiva di Google all’ottimizzazione dei motori di ricerca” (scaricabile gratis), Il Google Webmaster center, vari forum blog e conferenze stampa per tenere sempre tutti aggiornati.

Queste documentazioni erano necessarie a chiarire un punto: i comportamenti dei Black hat SEO come il Cloacking, il keyword stuffing, le link farm e così via sarebbero stati penalizzati in nome della User Experience, ovvero per il miglioramento del servizio di Google per gli user. Ecco così che vediamo arrivare il Google Bot, lo scanner dei siti, con un bel mazzo di fiori.

la seo è morta

Alcuni SEO ci provano ancora, ma una buona parte segue attentamente le regole e fa di questo un mestiere a tempo pieno basato su un rapporto di dare-avere. Poi cominciano arrivare aggiornamenti di algoritmi come se piovesse, alcuni si contraddicevano anche, e così miliardi di siti sono stati penalizzati. Negli ultimi giorni anche Moz è stato penalizzato, praticamente gli evangelist della SEO. Si dice addirittura che Google stia perdendo il controllo sull’algoritmo.

Ecco che la scatola comincia a diventare stretta, Google sembra essere l’unico a decidere le regole, ma ci da una scappatoia: Google Adwords, il nuovo modo per assicurare le prime posizioni (al contrario della SEO) sulla SERP. Ovviamente Google ne ha l’esclusività (sulla search perlomeno) e il servizio e a pagamento. Goodbye SEO e Good Morning Adwords.

Adwords-Now

Ed ecco che tornano a quadrare tante piccole cose, l’aumento del Not Provided per impedire ai SEO di individuare le parole chiave con cui i siti erano trovati, gli esami Adwords che sono diventati gratuiti, i link perdono importanza ecc.

la seo è morta

Invito tutti a ragionare sulla potenza e l’intromissione di Google nelle nostre vite che, con il motto “ per gli user”, basa sistemi di raccomandazione che personalizzano l’offerta su cookies che violano quasi le leggi sulla privacy. E quante altre cose? in America con la Google TV ci avviciniamo quasi al romanzo di 1984. Secondo voi Google la riceverà una letterina di ridimensionamento? Vediamo che succede.

Insomma, la SEO è morta? non ancora ma presto lo sarà e Google è il responsabile. Il perchè è molto semplice, la SEO è un servizio da cui Google non guadagna niente, mentre Adwords si, e molto anche.

la seo è morta

Vi lascio con qualche altro bel film.

la seo è morta

la seo è morta

la seo è morta

5 Comments

  • interessante l'articolo grazie per l'informazione

  • Biagio Rea ha detto:

    finchè non la vivo sulla mia pelle credo nella buona fede e nella professionalità di Google … non credo che i continui aggistamenti delgi algoritmi di Google siano finalizzati ad incentivare l'uso di Adwords come pensano i complottisti … bisogna anche intendersi su cosa significa "attività della Search Engine Optimization"

  • Luca Tagliaferro ha detto:

    le keywords "not provided" non sono mai sparite del tutto, basta visitare wbemaster tools di google e stanno tutte li elencate..

  • Adrian Gavril ha detto:

    Secondo me, la SEO si è trasformata. Se prima bastava aggiungere una carrellata di Keywords, oggi serve essere social. La SEO è morta per chi, forse non la usava e non la usa nel modo professionale. Oggi la comunicazione digitale è cambiata. La conversazione la fa da padrona e la reputazione ti apre le strade per raggiungere i vertici delle SERP. La SEO è morta si, quella dei fuffari. Buon proseguimento di giornata.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *