Storytelling: non usatelo solo nella pubblicità!

storytelling

Da molto tempo lo storytelling è identificato come la nuova frontiera della comunicazione verso il pubblico ed effettivamente è apprezzabile la sua efficacia, in termini di brand attachment, risposta affettiva e comportamentale del consumatore. Dobbiamo adesso capire il passo successivo al classico storytelling.

Nella comunicazione l’arte di raccontare una storia intorno ad un prodotto o ad un brand è fatto tramite advertising in tv, sui social, outdoor, dove, talvolta, è replicata in diversi format la pubblicità principale. In questo modo, sia un maxi poster lungo la tangenziale che lo spot versione integrale in tv, riescono a richiamare alla mente la storia raccontata.

Se poi lo storytelling è emozionale funzionerà ancor meglio sui social dove gli internauti potranno condividere il video della vostra spot-storia (per esempio: Cornetto Algida).

Cosa succederebbe se la riproduzione di una storia avvenisse nella realtà? Lo hanno fatto  Domenico Dolce e Stefano Gabbana in occasione dell’evento – presentazione della loro nuova collezione a Portofino lo scorso Luglio (Il Corriere, 15 luglio 2015).

 

storytelling

Il tema dell’evento era il sogno (“l’alta moda deve essere un sogno” avevano pre annunciato Dolce e Gabbana in conferenza stampa) rappresentato attraverso la riproduzione del racconto della principessa Delfina omaggiata con fiori e gioielli e contornata da fauni e fate.

In questo caso lo storytelling è diventato reale: non solo si racconta una storia, ma gli invitati sono catapultati, immersi nella storia stessa grazie alla sua riproduzione (su cui si basa la loro intera collezione).

Un evento nel quale ogni dettaglio ha uno scopo:

– La scelta del tema, la location, la premessa nel comunicato stampa: hanno creato il giusto state of mind degli invitati, propedeutico per la buona percezione dell’atmosfera dell’evento e del giusto significato della collezione

– L’idea di ricreare la storia e far immergere gli invitatati nella rappresentazione è un modo per convogliare tutti e tutto verso il brand: così facendo l’attenzione sale alle stelle, gli invitati si isolano concentrandosi esclusivamente su ciò che stanno vivendo. Per non parlare del ritorno mediatico.

– Special event gift: la borsetta donata alle signore invitate è una “ cartolina ricordo”. Così, l’effetto dell’evento si protrarrà nel tempo e farà riaffiorare il ricordo di quel Sogno di una notte a Portofino.

Tutto precisamente studiato per ottenere un unico risultato: stupore & affezione.

Condizione necessaria e sufficiente: disponibilità di un budget adeguato alla cura dei dettagli.

Elena Baselice

Tags from the story