SEO per Ecommerce: Tattiche per il posizionamento ed Analisi

seo ecommerce

Man on Wire – James Marsh

Le moderne telecomunicazioni hanno letteralmente stravolto i modi di comunicare e di mettersi in contatto con le altre persone. Un tempo per comunicare ci si basava sulla metodologia del “carta e penna”, ma dagli anni ’90 in poi sono nate le prime mail, i telefoni cellulari, gli smartphone, i social network e via dicendo. Ma il mondo della comunicazione non è il solo ad aver subìto modifiche sostanziali al suo aspetto e alle sue modalità. Ad aver subìto un cambiamento degno di nota è il commercio. Grazie ad Internet, infatti, il significato di commerciare e vendere non riguarda più solamente l’effettuare scambi commerciali con una persona fisica: commerciare è diventata un’attività rapida ed eseguibile a distanza. Tale cambiamento ha portato alla nascita degli e-commerce (la storia la trovi qui) , negozi digitali caratterizzati da ampie possibilità di vendita a fronte di magazzini capienti e transazioni economiche rapide e sicure. Di pari passo con le nuove modalità di vendita sono andati sviluppandosi anche nuovi metodi di comunicazione commerciale, al fine di migliorare il posizionamento dei propri prodotti in vendita in un e-commerce basandosi su un concetto semplice: i prodotti più in evidenza sul web sono quelli che hanno più visibilità e che riscuotono maggior successo, sia in termini di visualizzazioni sia in termini prettamente economici.

Il posizionamento di un e-commerce nei motori di ricerca: la tecnica SEO e Definizione

Al giorno d’oggi il successo di un e-commerce è determinato dal posizionamento che le sue pagine e i singoli prodotti in vendita detengono all’interno dei motori di ricerca principali. Grazie a particolari accorgimenti da prendere in fase di progettazione e organizzazione di un determinato sito, in questo caso un e-commerce, è possibile migliorare il posizionamento finale di un qualsiasi prodotto da mettere in vendita adottando una tecnica particolare: la SEO. “SEO” è l’acronimo di “Search Engine Optimization“, vale a dire “ottimizzazione del motore di ricerca”, e consiste in una serie di modifiche dell’impostazione della struttura delle pagine web in modo tale da migliorare diversi aspetti dei singoli contenuti presentati. Apportando tali modifiche, infatti, sarà possibile influenzare notevolmente gli esiti delle ricerche di un qualsiasi utente nonché il posizionamento del proprio sito o portale in modo tale da determinarne il successo. Purché si sia a conoscenza delle entità di tali accorgimenti.

 

La SEO per un e-commerce si basa sulla scelta delle giuste keyword

Ma in cosa consistono gli accorgimenti da attuare mediante la tecnica SEO? E in che modo possono essere utili per un e-commerce? Una cosa per volta. Partendo dalle caratteristiche del SEO, in linea generale sono i contenuti testuali a subire maggiormente gli influssi positivi delle modifiche da apportare alle pagine di un sito web. Un esempio è dato dall’utilizzo di keyword, le cosiddette parole chiave che determinano in maniera fondamentale l’evidenza di un sito a discapito di un concorrente: un sito contenente un buon numero di keyword risulterà decisamente più in vista di un portale o un blog privo di parole chiave, purché tali keyword siano disposte tra le pagine in maniera coerente e senza abusarne in modo eccessivo. In questo caso, dal punto di vista di un e-commerce le keyword risultano utilissime per mettere in evidenza determinati prodotti: le parole chiave da utilizzare per un prodotto potranno essere ad esempio il marchio dello stesso, il numero di serie del modello, le caratteristiche principali, i pregi e via dicendo. Già solamente prendendo un accorgimento simile è possibile determinare un netto miglioramento dal punto di vista della visibilità del proprio sito.

la prima cosa che si insegna nel marketing (non solo nella seo ma anche nei socil nell’adv ecc) è come imparare a fare una ricerca delle parole chiave per scrivere i contenuti (guida)

qui trovi una guida dettagliata su come scrivere le pagine prodotto in modo seo friendly – link slidehsare

la SEO per creare un sito ecommerce ottimizzato

si parla di scegliere il giusto dominio (nome ed estensione), come creare una struttura informativa ottimizzata (padrona della UX e delle attività di ottimizzazione del tasso di conversione) e quindi come gestire le categorie dei prodotti, i vari colori ecc.. Parliamo anche di velocità, tipologie di contenuti da postare che rispecchiano i bisogni degli utenti e scelta del template workdpress in base alle necessità. Qui trovi l’articolo dettagliato

Se si parla anche di migrazione non dimenticarti di dirlo al tuo amico SEO perchè potresi incorrere in disastri enormi. Anche qui puoi trovare la guida per gestire una migrazione seo correttamente

21 Azioni da fare prima di andare live

Ora che hai capito i principali concetti sei pronto per andare live. Ci sono almeno 21 cose da fare, pronto? (link). Una delle primissime cose da fare è sicuramente il set up della search console, strumento che ci permette di dialogare con google: qui la guida per il set up

Come migliorare la visibilità? Battiamo la concorrenza

il concetto di visibilità è legato a due fattori, il primo alla presenza di una domanda che abbiamo ampiemente analizzato con le keyword, l’altro è il concetto di competizione del mercato. Avrò successo se qualcuno vuole il mio prodotto e sono l’unico a venderlo. Per questo proposito fare un’analsi della concorrenza è utilissimo per studiare le keyword dei tuoi concorrenti (per usarle anche tu) e studiare i backlink che hanno (per farti linkare anche tu). Qui trovi una guida per fare un’analisi dei competitors

 

Altre tattiche SEO per un e-commerce 2018

Le tattiche SEO da adottare in materia di miglioramento della visibilità di un e-commerce non sono affatto finite qui. Solo per citarne alcune, un’altra modifica sostanziale riguarda l’utilizzo di testi particolarmente approfonditi e validi dal punto di vista sintattico e grammaticale. Lo stesso vale in maniera simile per l’utilizzo di contenuti multimediali di pregio, così come il rimando a link esterni di particolare importanza e rilevanza. In linea generale, i contenuti presentati sul proprio e-commerce, sia che siano di tipo multimediale, sia che siano di tipo testuale, dovranno essere sempre al top per quanto riguarda l’aspetto qualitativo. Contenuti scadenti determineranno una scarsa visibilità per l’e-commerce, con conseguente diminuzione delle visite e dei click. Senza tralasciare la diminuzione delle vendite.

Se vuoi approfondire la SEO per siti e e-commerce ti consigliamo l’ultimo libro di Lucia Isone editore Hoepli

 

Analisi SEO per ecommerce: migliorare la visibilità SEMPRE

Una volta ottimizzato il sito per andare live e impostata qualche tecnica per aumentare la visibilità come contenuti e link earning è il momento di guardare i dati per farci dire cosa manca.

Tags

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *