Come si cercano le parole chiave? l’importanza della Keyword Research, l’analisi e i Tool [Lezione 2]

des_mots_des_maux

L’obiettivo delle aziende negli anni è cambiato. Siamo passati da una logica product-oriented ad una consumer-oriented, che mette al centro l’importanza delle Keywords.

Diventa fondamentale dunque individuare i bisogni dei consumatori. Ricordiamo che gli utenti non cercano beni, ma cercano soluzioni ai loro problemi, tramite l’acquisto di beni/servizi. Le Keywords, in questo caso, rappresentano le ricerche e i temi che interessano agli user. Per questo motivo l’importanza della ricerca delle Keywords fa parte delle solide fondamenta del web marketing.

Perché la ricerca delleParole Chiave è importante

  • È fondamentale per la SEO perché le keywords rappresentano le query di ricerca che effettuiamo su Google sono dunque i collegamenti tra i SE e il nostro sito.
  •  È importante per il Web design poiché è in grado di guidare la navigazione rendendola più friendly
  •  È importante per il Social media marketing per capire il linguaggio che è associato al nostro brand e quindi avvicinarci ai nostri potenziali clienti
  • È importante per il Content marketing per scrivere contenuti di qualità ed efficacia SEO
  •  È importante per la Web analytics poiché con Google Analytics è possibile misurare la performance di una singola keywords (soprattutto in termini di conversione e quindi CTR)
  • E’ la base del Pay Per Click

Come si imposta una Keyword Research

Una volta capito “perché”, andiamo a vedere “come” effettivamente va impostata una Keywords Research:

1) entrare nell’ottica degli users, cosa potrebbero volere dal vostro sito e dal vostro brand

tool: cervello!

2) cercare Keywords, combinazioni e sinonimi (creare prima una lista lunga e poi una specifica)

tool: AdWords o www.wordstream.com, UberSuggest, Spyfu

3) KOB analysis: dovete controllare i benefici (cioè i volumi di ricerca stimati) e la Keyword Opposition cioè la competitività delle stesse.. Il trucco sta nel bilanciare i due valori asseconda delle vostre esigenze, capacità e risorse.  Un piccolo business per esempio utilizzerà parole non troppo competitive

tool: AdWordsSeoMOz

parole chiave

4) controllare il trend di ricerca, la stagionalità e l’andamento generale negli anni

tool: Google Trend

parole chiave

5) Create un foglio excel, inserite i valori e create una priorità dei risultati. Ecco pronta la vostra analisi delle keywords per il vostro CEO.

VEDI ANCHE: Cos’è la SEO: introduzione alla Search Engine Optimization [Lezione 1] oppure Long Tail Keyword: la teoria della coda luga applicata alla Keyword Research

4 Comments

  • Utile articolo, grazie mille!
    In effetti bisogna effettuare considerazioni sia a livello di convenienza (per quanto riguarda la concorrenza di altre chiavi) che di profittabilità per il target (scegliendo le combinazioni di parole più adatte alla propria nicchia).

  • Paolo Ramazzotti ha detto:

    Bello l'articolo. Trovo la KOB analysis di Todd un pochino fuorviante quando la competitività delle keywords viene calcolata sulla base della concorrenza SEM. Io utilizzo Market Samurai o Majestic per ottenere un altro dato concorrenziale: il numero di pagine nel web in cui una determinata KW è presente nel Title e nella URL di una pagina. E' un indice di concorrenza SEO importante e permette di calcolare il coefficiente di opportunità con maggior confidenza. Utile poi magari inserire CTR e CR nella KOB analysis co qualche dato alla mano. Complimenti per l'articolo Federica. Si parla troppo poco di queste cose.

    • fbadmin ha detto:

      Ottimo consiglio Paolo, hai sicuramente dato un valore aggiunto all’articolo.
      Ti ringrazio anche personalmente, aggiungerò Market Samurai ai miei preferiti 🙂 Spero di rivederti presto (magari può interessarti anche l’articolo sulla keyword density, frutto delle litigate col mio capo 😉

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *