Il Brainstorming per la vostra Espansione Aziendale! una perfetta tempesta di cervelli

braistorming per la comunicazione di marketing

Conoscere, conoscere, conoscere! Le aziende che al giorno d’oggi vogliono conquistare i mercati devono sempre effettuare ricerche. In generale, le idee buone, non arrivano da sole: ci si deve organizzare per stimolarne lo sviluppo. Diversi sono i metodi che l’impresa può adottare per raccogliere idee brillanti, cercando di anticipare i cambiamenti nei bisogni e non semplicemente rispondendo alle richieste espresse dal mercato: si deve adottare un approccio proattivo e non reattivo.

Un’idea creativa non è nient’altro che la combinazione inattesa di due o più concetti. Uno dei metodi maggiormente utilizzati usato per stimolare la creatività è il brainstorming, che tradotto significa proprio tempesta di cervelli! Nato intorno agli anni ’30 del novecento, rappresenta una tecnica di gruppo per la formazione di nuove idee e per la risoluzione di problemi in modo creativo. Si fa leva sull’ipotesi secondo cui un gruppo di individui è più creativo degli individui che operano isolatamente, grazie ad un effetto di sinergia e di interazione trai membri del gruppo. Per ottenere nuove idee, si focalizza la discussione del gruppo su un problema specifico, lasciando libero lo scambio comunicativo, senza fissare precedentemente un ordine per gli interventi e spingendo la riflessione sul tema in questione quanto più lontano dal punto iniziale. Ai partecipanti viene chiesto di esprimere idee sulla base degli stimoli ricevuti dai pensieri altrui, senza attivare un processo di discussione dei pensieri esposti: è proprio questo aspetto che differenzia il brainstorming dal focus group!

Probabilmente è il metodo maggiormente utilizzato per la produzione di idee soprattutto per la sua semplicità nell’organizzazione: si riuniscono dalle sei alle dieci persone di esperienza e formazione molto variegata, alcune delle quali esterne all’impresa. Vi sono alcune semplicissime regolare da dover rispettare:

  • non è permesso nessun genere di valutazione, visto che le critiche rischiano di spingere i partecipanti a difendere le loro idee anziché a cercare di scoprirne di nuove;
  • è necessario incoraggiare moltissime idee. I partecipanti devono essere spronati a pensare alle idee più estreme: devono essere incentivati a cercare combinazioni o associazioni tra le proposte avanzate, in modo da cercare nuove idee le quali siano migliori rispetto a quelle che le hanno originate.

Per quanto riguarda i campi di applicazione di questo metodo, questi sono infiniti: dalle indagini di mercato alla promozione di un prodotto commerciale. Risulta essere uno strumento di lavoro ottimale nei casi in cui si ricerchino soluzioni e proposte creative ed innovative. Non è raro ottenere, nel corso di un brainstorming, oltre cento idee.

P.S: Oggi sul web per organizzare il Brainstorming non si scrive, ma si usa MindMeister per le mappe mentali!

VEDI ARTICOLO: “Pillole per la Comunicazione diretta con il Pubblico

 

Martelli Arianna

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *