Come fare l’ Analisi di Attrattività di un Mercato? le 4 strategie base da sapere

anilsi attrattività mercato

Tutte le volte che si ragioni in termini di mercato la prima cosa a cui dobbiamo fare riferimento è la domanda..La tipologia di domanda infatti è il primo fattore che influenza l’ attrattività di un mercato.  Dando per scontato la definizione base la domanda globale può essere

  • espandibile: quando il livello delle vendite è influenzato dall’azione di marketing delle imprese e dall’andamento generale dell’economia. Questo significa che vi è un potenziale di mercato ancora non sfruttato
  • non espandibile: quando il livello totale delle vendite non è più influenzato dagli sforzi di marketing delle imprese e dall’andamento generale dell’economia

Ne deriva che la domanda globale è influenzata da due categorie di fattori:

  • fattori esterni (o non controllabili): legati al contesto macro-economico
  • fattori interni (o controllabili): rappresentati dagli sforzi totali di marketing realizzati dale imprese concorrenti sul mercato

Ma l’attrattività di un mercato non dipende solo dalle dimensioni del mercato potenziale e dalle sue capacità di estensione, ma anche dalle caratteristiche del ciclo di vita del prodotto. Il concetto del ciclo di vita di un prodotto (CVP) è preso a prestito dalla biologia,  perché si riferisce alla evoluzione fisiologica di ogni organismo vivente. Nel ciclo di vita i prodotti attraversano 4 fasi distinte: introduzione, turbolenza, maturità e declino. Per ogni status in cui si trova il prodotto il mercato è più o meno attraente.

1. INTRODUZIONE: Il mercato sembra caratterizzato da

  • vendite molto modeste
  • resistenza del consumatore nei confronti dei prodotti nuovi che si considerano i cosiddetti “pionieri”
  •  la loro domanda è molto rigida
  • è importante il ruolo del passa parola.
  • i distributori sono molto restii a mettere in assortimento prodotti nuovi
  •  periodo di “monopolio pro-tempore” di cui gode l’impresa innovatrice

Obbiettivi e Strategie

  1. far preferire il proprio prodotto rispetto a quelli della concorrenza
  2.  costruire una forte immagine di marca e  sviluppare fedeltà alla marca
  3. ridurre i prezzi per penetrare il mercato
  4. comunicazione “selettiva” e non più “informativa”

2) LA FASE DI TURBOLENZA

  •  le vendite globali di mercato continuano a crescere, ma ad un tasso più contenuto
  •  aumenta ulteriormente la sensibilità della domanda rispetto al prezzo
  •  i concorrenti più deboli cominciano ad abbandonare il mercato
  •  per le imprese che riescono a prevalere, vi è un forte aumento della produttività

Obiettivi e strategie di marketing:

  1. è necessario un maggior ricorso alla segmentazione, per differenziarsi dai concorrenti
  2.  bisogna evitare la concorrenza dei prodotti “me too”

3) LA FASE DI MATURITÀ

  •  si assiste ad una stagnazione della domanda, che non cresce più
  •  la copertura del mercato è intensiva e non può essere ulteriormente aumentata
  • il mercato è molto concentrato, di tipo oligopolistico; sono rimaste in vita solo le imprese più forti, che hanno l’apprezzamento da parte dei consumatori
  •   la tecnologia è ormai standardizzata e rende possibili solo modificazioni secondarie e marginali del prodotto
  • può essere ai massimi livelli nella fase iniziale della maturità, ma poi inizia a declinare

 Obiettivi e strategie di marketing:

  1. mantenere e – se possibile – aumentare la quota di mercato
  2. utilizzare al meglio tutti gli strumenti del marketing mix
  3. ritagliarsi un vantaggio competitivo difendibile sui concorrenti diretti

4) LA FASE DI DECLINO

  • la domanda di mercato si riduce più o meno rapidamente, perché: compaiono sul mercato nuovi prodotti tecnologicamente più avanzati e  cambiano i gusti e le preferenze dei consumatori
  •  la distribuzione diventa rarefatta e può essere difficile per il consumatore reperire il prodotto presso i punti di vendita
  • molte imprese disinvestono e si ritirano dal mercato
  • altre, viceversa, cercano di specializzarsi sul mercato residuo
  • la redditività è in rapido calo, fino a tornare nell’area della perdita

 Obiettivi e strategie di marketing:

  1. ritirarsi al più presto dal mercato, se si ritiene che la crisi sia irreversibile
  2. rilanciare il prodotto per nuovi usi,  riproponendolo in una versione modificata e  investendo fortemente in comunicazione

VEDI ANCHE: Posizionamento della Marca: spiegazioni e Strategie

analis di attrattività di mercato cvp

 Buona analisi di attrattività di mercato anche a voi e per qualsiasi dubbio scrivete pure!

1 Comment

  • SABRINA ha detto:

    salve,
    avrei cortesemente bisogno di capire come posso applicare le suddette strategie per un azienda di taratura di strumenti?
    essendo un settore così tanto rigidi vorrei qualche consiglio su quuali sono le leve di marketing più adatte.
    Grazie

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *