Marketing MIx: l’Evoluzione dalle 4P alle 6C

marketing mix

Il marketing mix rappresenta l’insieme di leve di marketing da utilizzare all’interno di una strategia di marketing. Il marketing mix è fondamentale anche per la redazione del piano di marketing. Insomma è il punto di partenza dei canali che volete usare per arrivare al vostro obiettivo.

Storia e Definizione del Marketing mix:

Cos’è il marketing mix?

La definizione di marketing mix è semplice. Si tratta di inserire il giusto prodotto, nel giusto luogo (placement), nel tempo giusto e al prezzo giusto.

Per definire il mix ci sono state diverse teorie

  • le prime basate sulle 4P: product, price, placement, promotion figlie di un marketing product oriented. questi “ingredienti” vennero introdotti da E. Jerome McCarthy nel 1960 e costituiscono le leve fondamentali del marketing tradizionale
  • le seconde più orientate ai servizi, le 7P  product, price, placement, promotion, person, phisical enviroment, process che includono fattori esterni
  • Le terze aggiornate ad un marketing consumer oriented e non più product oriented con le 4C costumer, cost, convenience, communication:    Il cambiamento d’impostazione di questo modello avviene nel 1993 con Robert F. Lauterborn che sposta la riflessione sul cliente e sul valore che egli attribuisce ai beni/servizi, introducendo le “4C”
  • Le utlime che prendono in considerazione un e-commerce che sposta la sua impostazione dalle “4P” alle “6C”, vanno aggiunte altre due leve importanti di marketing: il contenuto e la community.

marketing mix

 

Elementi del Marketing mix:4P e 7P

N1. Marketing mix Product o Prodotto:

il prodotto è l’oggetto o servizio che soddisfa il bisogno delle persone. Il prodotto può essere tangibile o intangibile.

La prima cosa che bisogna fare è capire se esiste una domanda di mercato per il proprio prodotto. Infatti la base della strategia di marketing è proprio la ricerca di mercato per capire il ciclo di vita, l’ambiente e i fattori esogeni.

La seconda cosa è valutare il ciclo di vita del prodotto, è in fase di crescita, di maturità o di declino? Questo è importante per i marketers per stimolare la domanda ed adottare la strategia corretta.

La terza fase sta nell’individuazione del product mix ovvero la diversificazione e l’ampliamento della linea di gamma che serve per aossifare più bisogni ed ampliare il mercato.

La terza fase sta nell’individuazione dei vantaggi competitivi rispetto ai competitors

N2. Marketing mix Price o Prezzo:

Il prezzo è l’ammontare che il cliente è disposto a pagare per ottenere quel bene.

E’ fondamentale definirlo anche nel piano di marketing perchè determina il profitto e la sopravvienza.

Il prezzo ancora oggi è una delle leve più importanti che spingono il consumatore ad acquistare ed è quindi capace di influenzare tutta la strategia di marketing.

In questa fase è molto importante definire il ciclo di vita dell’azienda ed entrare nel mercato con un prezzo competitivo se ad esempio fossimo una start up. (le strategie di prezzo sono market penetration pricing, marketi skimming pricing e neutral pricing)

Inoltre il prezzo è anche un indicatore della qualità del prodotto, infatti i clienti associano ad un prezzo troppo basso una scarsa qualità

 

N3. Marketing Mix Placement o Distribuzione

Questa fase è fondamentale i quanto si definisce il luogo in cui il prodotto sarà disponbiile. E’ fondamentale capire il posizionamento e i canali distributivi preferiti dal target. Alcune delle strategie più comuni sono: (per approfondire...)

  • Intensive distribution
  • Exclusive distribution
  • Selective distribution
  • Franchising

 

N4. Marketing Mix Promotion o Promozione

La promozione è una leva molto importante in quanto può incrementare le vendite e la brand awareness del brand.  La promozione è composta da vari elementi:

  • Sales Organization
  • Public Relations (PR)
  • Advertising (ADV)
  • Sales Promotion

La pubblcità è tipicamente composta da giornali, televisione, radio, e online advertising. Le public relation (PR) includono stampa, esibizioni, seminari, conferenze, eventi. Se vuoi approfondire l’argomento abbiamo un articolo dedicato alla promozione

 

N.5 Marketing Mix People o persone

Attraverso le ricerche è importante definire il target e e la domande di mercato di riferimento.

Ma è anche le persone che lavorano nell’azione da sono importanti. E’ tanto importante scegliere bene il target come scegliere bene le persone che lavorano all’interno dell’azienda in quanto sono loro che generano il valore. Il trucco è assumere persone che amano il prodotto o servizio che vendono ed amano il proprio lavoro!

 

N.6 Marketing Mix Process o processo

Il sistema ed il processo di un organizzazione infleunzano l’offerta del servizio. Quindi bisogna assicurarsi di avere un processo che minimizzi i costi e risponda alle esigenze dei clienti (velocità, completezza ecc). I processi sono su tutti il funnel, metodi di pagamento, distribuzione ecc.

 

N.7 Marketing Mix Physical Evidence

Nelle industie che vendono un servizio ci deve essere un evidenza fisica del fatto che il servizio è stato erogato. L’evidenza fisica consiste anche nel valutare come il prodotto è percepito dal mercato. Si tratta quindi della percezione dei consumatori e al posizionamento sul mercato.

 

Elementi di Marketing mix: 4C e 6C

 

Consumatore

qui passiamo da una logica product-oriented ad una consumer-oriented, progettando i prodotti in base a quello che vuole il consumatore, partendo dunque dalla domanda per arrivare all’offerta, in una logica completamente invertita. In questo caso si fa l’analisi sul target, sugli interessi, analisi sulla parte demografica, culturale e comportamentale dei clienti.

Costo

non possiamo più ragionare solo in termini di prezzo, ma dobbiamo esaminare la struttura dei costi che affrontano i consumatori, come ad esempio il costo di trasporto, il costo psicologico ecc.

Convenienza

significa conoscere i segmenti di mercato, le modalità di transazione, i mezzi di pagamento e così via per definire le tecniche di distribuzione.

Comunicazione

pensare in termini di comunicazione e non di promozione (che in questo caso risulta riduttivo), agire quindi in una logica comunicativa bidirezionale e interattiva capace di ottenere feedback dai consumatori.

Contenuto

rappresenta la parte digitale del sito (immagini, video ecc.) utilizzato per proporre la propria marca verso i consumatori. Tutte le leve del commercio quindi seguiranno le tecnologie proprie del web. ve la ricordate la frase “content is king”?

Comunità

rappresenta l’interazione tra impresa e cliente, ad esempio forum, chat ecc. per mezzo della quale è possibile raccogliere informazioni importanti sul comportamento dei consumatori.

Esempi di Marketing Mix

  • Definizione del prodotto: che prodotto piace? Che colore va di moda? Per cosa usa il prodotto? Quali sono i micromoment?
  • Definizione delle persone o comunità: qual è il target? Sono più uomini o più donne? come si comporta? dove si riunisce? di cosa parla?
  • Definizione della promozione: quale leve di sconto possiamo usare? che tecniche di marketing possiamo promuovere? (qui trovate un paio di trucchetti basati sulla teoria psicologica delle armi della persuasione)

 

Come Utilizzare il Marketing mix: piano e strategia di marketing

come abbiamo precedentemente introdotto il marketing è il primo punto da cui partire. Grazie a ricerche di mercato ed analisi di business intelligence è possibile utilizzarlo il due casi:

  • creare la strategia di marketing: in questo articolo trovate le basi delle strategie: target, posizionamento e segmentazione – link qui
  • creare il piano di marketing: in questo articolo troverete la lista delle analisi e gli strumenti da utilizzare – link qui

 

VEDI ANCHE: web 1.0, 2.0 e 3.0: spiegazioni e differenze

2 Comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *